Gioco del bingo

Bingo: nuove macchine hi-tech per un gioco più veloce


Molto vicino al gioco popolare per eccellenza, la tombola, il bingo ha da qualche anno conquistato il cuore di moltissimi italiani. Dalle sale gremite di persone che dal religioso silenzio passavano ad urlare Bingo! si è arrivati alla poltrona di casa e alle piattaforme di bingo online, che permettono di giocare ovunque e comunque. Nonostante il bingo da sala, proprio per l’avvento di internet ha perso qualche colpo, è stato interessato ultimamente da una particolare evoluzione: le macchine hi-tech che hanno velocizzato in modo incredibile il gioco. Un processo che sta rivoluzionando quello che è un classico della tradizione dei giochi.

Cosa sono le macchine hi-tech del bingo e come funzionano

Nascono in Ontario e stanno decisamente rivoluzionando le sale da bingo, sono macchine hi-tech di ultima generazione pensate proprio per dare un po’ di brio a questo gioco. Quelle sale, da sempre rifugio sicuro soprattutto per le persone di terza età che amano passarvi un po’ di tempo in compagnia, oggi sono dei mostri di tecnologia. Proprio lì, dall’altra parte dell’oceano, le sale si sono trasformate e sono arrivate quasi a sembrare sale da slot. Già perché le nuove macchine altamente computerizzate assomigliano proprio a delle slot machine. All’interno di questi ambienti si trovano video terminali elettronici che permettono di far giocare gli appassionati direttamente dal dispositivo, tirando fuori il denaro durante le singole partite che iniziano e finiscono in pochi secondi e velocizzando il gioco in modo straordinario. Un gioco che una volta era considerato lento, molto lento (per questo motivo, però, anche un potente aggregatore sociale, come d’altronde la nostra tradizionale tombola) e che potrà da oggi, se anche le sale europee si attrezzeranno, diventare molto accattivante e attirare nuovi appassionati: tutto questo proprio grazie all’aspetto individuale ed elettronico, con gli ultimi dispositivi che assomigliano a delle slot. Le sale da bingo potrebbero diventare, se fornite di moltissime macchine in cui si gioca per pochissimi secondi, dei veri e propri casinò. Ci sono state non poche resistenze e polemiche da parte degli avversari del gioco d’azzardo per questa nuova svolta del bingo, ma il processo sembrava inevitabile. L’incursione del gioco d’azzardo elettronico nel mondo del bingo è sembrata necessaria proprio perché gli introiti delle sale tradizionali continuavano a ridursi; magari per lo stesso motivo la svolta sarà necessaria anche da questa parte dell’oceano e anche le città europee potrebbero presto avere dei casinò del bingo.